La singolarità della stazione di Ozegna fu la presenza, sul lato della strada, di una piccola tettoia metallica di raffinata composizione: due lamiere reggevano lo sbalzo che era incoronato su tre lati da un motivo decorativo a "lambrequin" . Questa piccola tettoia fu costruita per conferire un’immagine di rappresentanza a questa stazione che era frequentata dai duchi di Genova, cugini del Re, che si servivano della ferrovia per recarsi al Castello di Agliè. All’interno era allestita anche una piccola saletta "reale", con arredo e decori particolari per gli illustri viaggiatori.

Attualmente questa stazione è diventata una comune abitazione, e più nulla è rimasto degli antichi decori.

 

 

 

 

 

La ferrovia  "Rivarolo - Castellamonte"

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella metà degli anni ’80 si fece sempre più persistente la voce della chiusura di questa tratta, che venne definitivamente dismessa nel 1987.

 

 

 

 

 

 

 

Oggi restano le rotaie, sommerse dalla vegetazione, e i cartelli che continuano a mettere in guardia dal passaggio di treni che non si muovono più da decenni...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

    Lost & Least © - all right reserved.
   
L'utilizzo anche parziale di testi e immagini deve
    essere consentito e concordato con gli autori.

 

 

...rotaie così non servono più nemmeno alla memoria...

Dopo l’Unità D’Italia, nell’arco di tempo compreso tra il 1861 e il 1905, la rete ferroviaria piemontese si arricchì di numerose linee secondarie. Tra queste la Torino-Rivarolo, con diramazioni per Pont e Castellamonte. Per questo tronco  furono costruite due sole stazioni: una in prossimità del paese di Ozegna e l’altra al termine della linea, a Castellamonte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Solo l'eco di sguardi passati smuove ancora quelle tende...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

testi :   w. bert  -  c. reger  © 
fotografie:   w. bert  ©  ( Sony P-50 )
                     c. reger  ©  ( Nikon  5000 ) 

 

    Lost & Least © - all right reserved.
   
L'utilizzo anche parziale di testi e immagini deve
    essere consentito e concordato con gli autori.

... No.  Ormai queste rotaie non sanno proprio più dove andare...

Avrebbero mai sospettato, gli ingegneri che più di un secolo fa disegnavano con tanto puntiglio questi particolari di vetture ferroviarie, che tutto sarebbe finito in questo modo?...